Pagina: 310-311

Notizie

Traslazione dei resti mortali del Servo di Dio José María Hernández Garnica nella Chiesa di Santa María de Montalegre, Barcellona (11-XI-2011)

Pág: 310-311

A Barcellona i resti mortali del servo di Dio José María Hernández Garnica sono stati traslati dal cimitero di Montjuic nella cappella del Santissimo della Chiesa di Santa María de Montalegre. La cerimonia ha avuto luogo l’11 novembre, presieduta dal Cardinale Arcivescovo di Barcellona, Mons. Lluís Martínez Sistach. José María Hernández Garnica è stato uno dei tre primi fedeli dell’Opus Dei che hanno ricevuto l’ordinazione sacerdotale; è in corso il suo processo di canonizzazione. Alla cerimonia hanno assistito i familiari, i suoi amici e molti altri fedeli.

All’omelia il Cardinale Martínez Sistach, citando la Lettera di San Paolo ai Romani e la chiamata di tutti i battezzati alla santità, ha ricordato che quest’ultima è la prima e fondamentale vocazione; una dottrina che è stata sviluppata dal Concilio Vaticano II e della quale San Josemaría è un grande precursore.

Alla cerimonia assistevano il Vicario episcopale di zona, Mons. Joan Galtés, i membri del Tribunale designato per questa traslazione dal Cardinale: il Giudice Delegato, P. Ramon Doménech, ofm; il Promotore di Giustizia, Mons. Alejandro Marzo; il Notaio Cancelliere, D.ssa Chiara Rostagno. Erano presenti anche il Vicario della Prelatura dell’Opus Dei in Spagna, Mons. Ramón Herrando; il Vicario della Prelatura dell’Opus Dei in Catalogna, Dott. Antoni Pujals; il Postulatore della Causa di Canonizzazione, D. José Carlos Martín de la Hoz; il Rettore della Chiesa di Santa María de Montalegre, Dott. Francesc Perarnau; una decina di altri sacerdoti. La cerimonia si è conclusa con il canto del Virolai (Inno alla Madonna di Montserrat).

Don José María Hernández Garnica nacque a Madrid nel 1913 e si laureò dottore in ingegneria mineraria, oltre che in scienze naturali. Ottenne il dottorato in teologia morale nella Pontificia Università Lateranense di Roma, diretta dall’allora professore (più tardi Cardinale) Pietro Palazzini, con una tesi su “La morale nei sistemi di intervento economico”.

Chiese l’ammissione all’Opus Dei un anno prima dello scoppio della guerra civile spagnola. Ricevette l’ordinazione sacerdotale nel 1944 e San Josemaría gli affidò l’incarico particolare di dare, con la sua attività pastorale, un aiuto e un nuovo impulso al lavoro apostolico dell’Opus Dei con le donne, pur continuando a dedicarsi a molti altri compiti sacerdotali. In seguito ebbe modo di esercitare il ministero sacerdotale in Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Austria, Germania, Svizzera, Belgio e Olanda, adattandosi a mentalità e ambienti molto diversi.

Morì a Barcellona nel 1972, in fama di santità, a causa di un tumore alla base della lingua. Si era trasferito a Barcellona alcuni mesi prima per essere curato di questa malattia, che però non riuscì a vincere.